Granita siciliana: conosciamo la storia di questo meraviglioso prodotto

La granita siciliana è, tra i dolci italiani, uno dei più riconosciuti al mondo, oggi la troviamo in diverse aromatizzazioni e non solo nell’area della Sicilia ma anche in altre località italiane.

Ma guardiamo un po’ più da vicino questo meraviglioso prodotto, realmente ne conosciamo la storia?

Tutte le granite sono uguali?

Vuoi conoscere meglio il mondo della granita siciliana e imparare come elaborarla con dei veri maestri del settore?

Iscriviti al nostro corso o richiedi informazioni cliccando QUI

La granita siciliana

Possiamo dire con certezza che le origini della granita risalgono a molto prima della dominazione araba nel sud Italia, infatti i nobili siciliani per rinfrescarsi facevano stipare la neve raccolta durante l’inverno in appositi depositi chiamati Nevieri.

Durante il periodo estivo, quando il caldo si faceva sentire la neve veniva mischiata con frutta e miele per creare delle bevande rinfrescanti.

E’ proprio durante questo periodo che i siciliani scoprono un nuovo metodo per elaborare questo fantastico prodotto.

Infatti, gli arabi importano un macchinario chiamato pozzetto, dove la neve non viene più utilizzata come ingrediente ma bensì come prodotto per creare del ghiaccio a partire da acqua, succhi di frutta e zucchero.

Nivarata per granita siciliana

Il pozzetto, infatti, era formato da due secchielli, uno in legno e l’altro in zinco, infilati uno dentro l’altro e nell’intercapedine tra i due secchi si introduceva della neve con del sale per creare un fenomeno fisico chiamato eutettico.

Grazie a questo macchinario e al fenomeno fisico introducendo dell’acqua, dei succhi di frutta e dello zucchero all’interno del cilindro di zinco e con l’aiuto di una manovella nacque la granita siciliana.

Affermare che la granita siciliana sia il precursore del gelato artigianale italiano di certo non è una sciocchezza.

Grazie all’avvento del pozzetto, infatti, si riuscì a creare un prodotto molto più cremoso e qualitativamente migliore rispetto a quella che fino ad allora era chiamata di “Rattata” (grattata).

Successivamente l’evoluzione di questo processo e l’uso di altri ingredienti portò all’elaborazione del gelato.

La granita oggi è divenuto un dolce a cucchiaio tipico della Sicilia, i quali siciliani amano prendere a colazione accompagnato dalla classica Brioscia col tuppo.

La troviamo non solo mischiata con frutta come limone, fragola etc. ma anche con altri ingredienti come pistacchi e mandorle.  

Ovviamente grazie alle tecniche di bilanciamento e allo studio dettagliato del mondo del gelato oggi riusciamo a creare anche granite siciliane fuori dai canonici gusti.

Le più bizzarre sono le granite allo zabaione, al cioccolato o alla ricotta.

Diversamente dal gelato il suo processo di congelamento è lento, creando così un prodotto completamente diverso.

Infatti la granita siciliana a differenza del gelato non ha incorporazione d’aria ed i cristalli di ghiaccio al suo interno sono di dimensioni più grandi.